COSTUME E SOCIETA'

COSTUME E SOCIETA'

Notizie dalla società, usi e costumi, viaggi, moda, arte, cronaca di ieri e di oggi, curiosità.

Enogastronomia ferrarese e Associazione Piv

Ferrara-Castello-Estense.jpg

 

Ferrara, splendida città affacciata sulle rive del Po di Volano, terra di cultura all’avanguardia anche nell’utilizzo delle energie alternative, riesce a dare il meglio di sé anche in ambito enogastronomico.

 

La tradizione culinaria ferrarese ha radici antichissime che non si sono perse nello scorrere del tempo ma, al contrario, sono state sempre più valorizzate e, ancora oggi, sono motivo di orgoglio; degustare il cibo di questa cucina ricca e gustosa è un privilegio, un’esperienza sensoriale che esalta il gusto, l’olfatto e la vista.

 

Il pampepato è conosciuto in tutto il mondo, dapprima noto come pampapato, ha in seguito cambiato il suo nome e si lascia ammirare per la sua forma tondeggiante, ma anche per la scelta di ingredienti che lo rendono gustoso e irresistibile; nocciole, mandorle, cannella, pinoli, noce moscata, uva passa, liquore sono solo una parte di ciò che gli conferisce un profumo e un sapore a cui è difficile resistere.

 

La salama da sugo, anch’essa tipica di questa splendida zona richiede una preparazione scrupolosa, seppur semplice; dopo averla lasciata in ammollo per una notte, in modo da poter togliere poi la “muffa” che si forma sopra la superficie, deve essere cotta in acqua, facendo attenzione che non tocchi mai le pareti della pentola. Una volta pronta, si può prelevare l’interno oppure, dopo averla spellata, tagliarla a spicchi.

Impossibile non menzionare poi il pane di Ferrara (coppia ferrarese), la brazadela, il pasticcio di maccheroni o pasticcio ferrarese, i cappellacci di zucca, i cappelletti,  le preparazioni con le anguille o con la zucca.

Anche il vino vuole la sua parte con ottimi Merlot, Sauvignon, bianchi, prodotti dalle numerose aziende vinicole ben conosciute dai sommelier.

 

A tal proposito, chi volesse conoscere la tradizione enologica e trovare un punto di riferimento per orientarsi tra cantine, vigneti ed enoteche, potrà rivolgersi all’Associazione culturale PIV ; nata il 12 agosto 2012; una nuova realtà che unisce principalmente amici che condividono l’interesse e la passione per il vino, la cultura e l’arte.

 

1-copia-1.jpg
 

L’attività di chi appartiene a questa associazione è un continuo fermento, la loro dedizione li porta a organizzare degustazioni, non solo di vino ma anche di birra e distillati, a visitare cantine, distillerie e birrifici, ma anche a intrattenere con concerti e momenti culturali.

 

Un’associazione giovane ma già in grado di ben rappresentare e tenere alta la bandiera della cultura enologica di una splendida zona come quella ferrarese.

 

L'associazione è presente anche su facebook

 

Condividi post

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post