COSTUME E SOCIETA'

COSTUME E SOCIETA'

Notizie dalla società, usi e costumi, viaggi, moda, arte, cronaca di ieri e di oggi, curiosità.

David Alan Harvey, vita e opere di un fotografo di successo

© Jramspot
 
David Alan Harvey, fotografo di fama internazionale, è nato il 6 giugno 1944 a San Francisco; già a undici anni manifestava un’intensa passione per la fotografia mentre si aggirava, con la sua Leica, a fotografare amici, famigliari e parenti.

Nel 1964, la sua prima opera fotografica è raccolta in un libro, “Tell It Like It Is”, in cui si possono osservare scatti di una famiglia di colore di Norfolk, città della Virginia, nelle scena di vita di tutti i giorni.

Tre anni dopo riuscì a terminare gli studi formandosi professionalmente presso la Graduate School of Journalism, università del Missouri.

Tra i suoi lavori di maggiore spicco si possono annotare le fotografie di circa 40 articoli della rivista mensile “National Geographic Magazine”, nota in tutto il mondo per i suoi reportage di geografia in cui si narrano usi, modi e costumi di varie culture e, di importanza tale, da essere tradotta in svariate lingue.

Nel 1978 Harvey ricevette il premio di “Magazine Photographer of the Year “, ovvero il fotografo dell'anno riconosciuto dalla National Press Photographers Association, un'associazione americana di fotografi per la stampa.

Nel 1993 è stato nominato Magnum (una sorta di massimo, un superlativo, a livello fotografico) dalla Magnum Photos, una cooperativa mondiale di fotografi, con un proprio pensiero che vuole riprodurre a livello visivo la curiosità del mondo, aspirando a farla giungere nei suoi reconditi più profondi; quattro anni più tardi Harvey diventa socio effettivo della stessa associazione, continuando tutt'oggi a farne parte attivamente.
© Manhhai

Nel 2000 esce il suo secondo libro, “Cuba”, e tre anni più tardi eccone un altro “Divided Soul”; entrambi ottengono un grande successo nella loro narrazione, tramite immagini, della vita e del lavoro delle comunità di cultura e provenienza spagnola, migrate in America.

Nel 2005 riceve un altro premio di una certa importanza: Fotografo dell'anno dalla PDMA (PhotoImaging Manufacturers and Distributors Association) mentre, due anni dopo, ecco l'uscita di un nuovo libro, “Living Proof”, ambientato nei locali del Bronx, dove si può ammirare e calarsi interamente nella culla dell'hip hop e del boogie.

Nel 2008 Harvey ha lanciato la rivista “Burn Magazine” che pubblica fotografie di fotografi emergenti e tutt'oggi, dalla sua dimora Neyorkese, gestisce la rivista di cui è editore e direttore.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post